google-site-verification: googlebbcc5fa8f436d7c3.html
Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart
Blog-pulizie Bologna Service Solution

Service Solution Sanificazioni

Etica e Professionalità

Blog

view:  full / summary

La sanificazione

Posted on October 23, 2020 at 8:20 PM Comments comments (2)

Il periodo che stiamo vivendo richiede una particolare attenzione nell'applicazione delle regole igieniche e nell'attuazione delle buone pratiche che generalmente siamo tenuti ad applicare, a queste dovremmo aggiungere alcune piccole regole che rendono efficace nel tempo la sanificazione che ogni azienda ha effettuato.
Una serie di buone pratiche da aggiungere alle norme d'igiene sono: aerare frequentemente i locali, spazzare con garze imbevute, usare ipoclorito di sodio 
(candeggina, amuchina) diluita al 0,1% per la detersione dei pavimenti e servizi igienici facendo stazionare il prodotto almeno 10 minuti poi risciacquare, usare pannetti monouso per le pulizie, sempre con pannetti monouso imbevuti in una soluzione idroalcolica al 70% pulire quotidianamente i punti di contaatto quali: interruttori, maniglie, telefoni ecc. ecc.

Read Full Post »

Precisazioni

Posted on October 23, 2020 at 8:00 PM Comments comments (0)
In letteratura diverse evidenze hanno dimostrato che i Coronavirus, inclusi i virus responsabili della SARS e della MERS, possono persistere sulle superfici inanimate in condizioni ottimali di umidità e temperature fino a 9 giorni. Un ruolo delle superfici contaminate nella trasmissione intraospedaliera di infezioni dovute ai suddetti virus è pertanto ritenuto possibile, anche se non dimostrato. Allo stesso tempo però le evidenze disponibili hanno dimostrato che i suddetti virus sono efficacemente inattivati da adeguate procedure di sanificazione che includano l’utilizzo dei comuni disinfettanti di uso ospedaliero, quali ipoclorito di sodio (0.1% -0,5%), etanolo (62-71%) o perossido di idrogeno (0.5%), per un tempo di contatto adeguato. Non vi sono al momento motivi che facciano supporre una maggiore sopravvivenza ambientale o una minore suscettibilità ai disinfettanti sopramenzionati da parte del SARS 2-CoV.
Read Full Post »

Rss_feed

0